english version
ImmunOncologia.org
ImmunOncologia.org

Alimentazione e cure oncologiche

Corretta alimentazione e stile di vita sano aiutano a prevenire l’insorgenza di tumori e sono importanti anche per le persone a cui è stato diagnosticato il cancro, in quanto mangiare in modo adeguato aiuta ad affrontare i malesseri provocati dalla malattia e gli effetti collaterali delle cure.

Nutrirsi correttamente e seguire uno stile di vita sano e moderatamente attivo sono le basi della prevenzione del cancro.

Broccoletto che combatte, mangiando, una cellula tumorale: metafora di cibo sano per prevenire il cancro

E’ stato infatti dimostrato che colesterolo e sovrappeso siano non solo dannosi a cuore ed arterie, ma rappresentino anche fattori di rischio per l’insorgenza di alcune forme tumorali.

Seguire la giusta dieta è però fondamentale non solo per chi si trova in buona salute, ma anche per le persone in cura per un tumore.

Il cancro infatti indebolisce l’organismo e causa uno stato infiammatorio generale con conseguenze sia sul metabolismo che sull’appetito. Molte terapie anti-tumorali inoltre provocano effetti collaterali che coinvolgono l’apparato gastro-intestinale, come nausea o vomito, con conseguente rifiuto del cibo.

Assumere i giusti nutrienti, gestire la perdita di appetito e gli eventuali problemi digestivi sono punti fondamentali per la qualità della vita del paziente e una dieta corretta è da considerarsi essa stessa parte integrante della cura.

Molte forme tumorali possono causare una perdita di peso corporeo dovuto a diversi fattori, quali inappetenza, alterazioni metaboliche, difficoltà a deglutire e a digerire il cibo.

Nel caso invece delle donne operate di tumore al seno si riscontra la tendenza opposta e cioè ad ingrassare: anche questo fenomeno, oltre ad avere implicazioni negative sull’umore, può causare squilibri ormonali e peggiorare quindi la prognosi.

Risulta pertanto fondamentale che il paziente segua in ogni caso una dieta bilanciata al fine di recuperare le forze e rinforzare il proprio sistema immunitario, ottimizzare l’effetto dei farmaci e ridurre le tossicità causate dalla chemioterapia e dalla radioterapia e contrastare l’eventuale insorgenza di disturbi depressivi.

Tuttavia per molti pazienti oncologici mangiare a sufficienza è un vero e proprio sforzo  che talvolta può essere fonte di stress ed ansia.

Seguendo le indicazioni dell’AIMAC – Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti e amici - ecco allora alcuni consigli per favorire l’appetito:

  • Se si fatica a consumare un intero pasto, distribuire la quantità di cibo in spuntini, mangiando poco e spesso
  • Presentare il cibo in modo allettante, anche nell’impiattamento, così da stuzzicare le papille gustative
  • Evitare i cibi con odori e sapori troppo forti (piccanti, grassi e dolci)
  • Tenere a portata di mano qualcosa di leggero e gustoso da sgranocchiare: pane, cereali integrali, frutta secca o scaglie di parmigiano
  • Se si hanno problemi a deglutire, yogurt e formaggi molli possono alleviare il fastidi
  • Bere spesso e a piccoli sorsi: acqua, spremute e centrifughe di frutta e verdura fresche
  • Il movimento stimola l’appetito: anche una breve camminata prima di sedersi a tavola può essere utile
  • Mangiare lentamente, masticare bene e riposare dopo ogni pasto
  • Se gli odori di cucina risultano fastidiosi, chiedere a familiari o amici un aiuto nella preparazione dei pasti e prediligere i piatti freddi a quelli caldi
  • L’appetito varia anche in base all’umore: se ci si sente su di giri, concedersi il piacere di mangiare ciò che più è gradito
  • I pasti sono momenti di convivialità: mangiare insieme alla propria famiglia, in compagnia di amici o ascoltando buona musica

Un regime dietetico composto da cereali integrali e legumi, verdura e frutta fresche e poca carne rossa non solo coincide con i principi di una sana alimentazione preventiva nei confronti del cancro, ma è anche particolarmente indicato nella nutrizione del paziente oncologico.

In quest’ultimo caso occorre però prestare qualche attenzione in più ad alcuni alimenti, talvolta apparentemente innocui, che potrebbero interferire con la terapia in corso. Ancora una volta risulta quindi fondamentale consultarsi con il proprio medico, attenendosi scrupolosamente alle indicazioni fornite.

×

Contatti

Contatti

Effetti srl

Via G.B. Giorgini 16 - 20151 Milano
Tel. 02.3343281 - Fax 02.33496370
email: effetti@effetti.it
web: www.effetti.it - www.makevent.it

Chiudi
×

Password dimenticata

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere un messaggio con le istruzioni per recuperare le tue credenziali di accesso.

Ok

×

Icona