ImmunOncologia.org
ImmunOncologia.org
Indietro Indietro

Tumori trattabili

Tumore del polmone

Polmone colpito da tumore

Il tumore del polmone può svilupparsi potenzialmente da tutte le diverse cellule che compongono il parenchima polmonare e può costituire una massa in grado di ostruire il corretto flusso dell'aria, oppure provocare emorragie polmonari o bronchiali.

Esistono diverse tipologie di malattia, a seconda della cellula da cui il tumore ha origine. Inoltre il polmone può rappresentare la sede di metastasi provenienti da altri tipi di cancro.

Si distinguono due principali tipologie di tumore del polmone: quello a piccole cellule, o microcitoma, e quello non a piccole cellule. Entrambi i tumori hanno origine dal tessuto epiteliale che riveste le strutture polmonari.

Il tumore a piccole cellule ha origine dai bronchi di diametro maggiore ed è costituito da cellule di piccole dimensioni. Si presenta in genere nei fumatori e la sua prognosi è tendenzialmente peggiore rispetto a quella del tumore non a piccole cellule in quanto la malattia tende a diffondersi velocemente anche ad altri organi.

Il tumore non a piccole cellule è a sua volta suddiviso in tre tipologie:

  • Il carcinoma spinocellulare, detto anche a cellule squamose, ha origine dalle cellule che rivestono le vie respiratorie (25-30% dei tumori del polmone)
  • L’adenocarcinoma si sviluppa dalle cellule che secernono il muco e si localizza a livello dei bronchi (35-40% dei tumori del polmone)
  • Il carcinoma a grandi cellule può comparire in diverse aree del polmone e ha la tendenza a crescere ed a diffondersi piuttosto rapidamente (10-15% dei tumori del polmone)
Cellule tumorali attaccano il polmone

Nel restante 5% dei casi il tumore polmonare non origina dall'epitelio, ma da cellule di tessuti diversi come ad esempio le cellule neuroendocrine (carcinoide polmonare di origine neuroendocrina) o il tessuto linfatico (linfoma polmonare).

La migliore strategia di cura contro il tumore del polmone dipende dal tipo di neoplasia, dallo stadio e dalle condizioni di salute generali del paziente.

Nel caso del tumore a piccole cellule la cura si basa principalmente sulla chemioterapia e sulla radioterapia e solo in rari casi di malattia in fase iniziale sulla chirurgia.

Il trattamento del tumore non a piccole cellule varia a seconda dello stadio della malattia e del tipo istologico (adenocarcinoma o carcinoma a cellule squamose). Questo tipo di neoplasia è particolarmente difficile da trattare in fase avanzata e l’immunoterapia oncologica rappresenta un vero e proprio passo in avanti. Infatti se fino a non molti anni fa l’unica arma era la chemioterapia, scarsamente efficace e caratterizzata da parecchi effetti collaterali, oggi le molecole impiegate in immunoncologia evidenziano risultati positivi nella malattia metastatica sia contro il tumore del polmone non a piccole cellule squamoso che contro il tumore del polmone non a piccole cellule non squamoso.

Prospettive future: Recenti evidenze hanno documentato l’efficacia dell’immunoterapia anche in altri contesti della malattia, come nella fase preoperatoria (immunoterapia neoadiuvante), o in associazione ai trattamenti oncologici tradizionali (chemioterapia e radioterapia).

Vai ai video Vai ai video

© Effetti srl
P. IVA 10756900154
×

Contatti

Contatti

Effetti srl

Via G.B. Giorgini 16 - 20151 Milano
Tel. 02.3343281 - Fax 02.33496370
email: effetti@effetti.it
web: www.effetti.it - www.makevent.it

Chiudi
×

Password dimenticata

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere un messaggio con le istruzioni per recuperare le tue credenziali di accesso.

Ok

×

Icona